Russia all’ONU: “abbiamo le prove del falso attacco chimico in preparazione a Idlib”

ttttt

La Russia ha prove inconfutabili sulle provocazioni in preparazione in Siria, lo ha dichiarato il rappresentante permanente russo presso l’ONU, Vasily Nebenzya, durante una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Nebenzya ha sottolineato che il presidente della Siria Bashar Assad non potrebbe in nessun caso dare l’ordine per usare armi al cloro, in quanto l’esercito siriano non ha più le armi chimiche nei suoi arsenali, aggiungendo che l’uso di armi chimiche da parte di Damasco dal punto di vista militare non è giustificato, mentre da un punto di vista politico sarebbe dannoso e autolesionistico. Inoltre questa mossa sarebbe un assist alla “troika” occidentale (USA, Francia, Regno Unito) per bombardare la Siria, che continuano a minacciare l’uso della forza sotto il pretesto dell’uso di armi chimiche.

In precedenza il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria ha segnalato di aver ricevuto informazioni da alcune fonti ad Idlib che nei pressi della città roccaforte dei ribelli sono iniziate le riprese che inscenano un attacco chimico dell’esercito siriano.

La popolazione della provincia siriana di Idlib ha riferito che nella città di Jisr al Shugur sono iniziate le riprese video della messa in scena di un attacco chimico perpetrato dalle truppe di Damasco contro i civili. La sceneggiatura include scene di aiuti ai cittadini da parte di attivisti della difesa civile (i White Helmets) dopo un presunto uso di bombe a botte con sostanze velenose sganciate dall’esercito siriano.

Per confermare la ‘verità’ del video e una rapida ripresa da parte dei caschi bianchi, i terroristi hanno portato a Jisr al Shugur dalla città di Khirbet al-Joz due contenitori con sostanze a base di cloro tossico. Nelle ultime settimane, Mosca ha avvertito in numerose occasioni di un falso attacco chimico che si stava preparando a Idlib, che avrebbe fornito agli Stati Uniti e ai suoi alleati una giustificazione per attaccare le truppe del governo siriano.

Fonte: Ria Novosti, Sputnik, L’Antidiplomatico, RT

Precedente Siria: trilaterale Russia-Iran-Turchia Successivo Mosca, Orban da Putin il 18 settembre