Putin proroga le contro-sanzioni sui prodotti occidentali fino al 2019

vladimir-putin-crimea-rusia-afp_lrzima20140321_0035_11firmaaaaa

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il decreto per la proroga dell’embargo sui prodotti agro-alimentari occidentali, adottato in rappresaglia per le sanzioni varate da Ue e Usa sulla scia della crisi con l’Ucraina. Le “contro-sanzioni” russe resteranno così in vigore sino alla fine del 2019, come precisato dal decreto pubblicato oggi sul sito del governo russo.

Nell’agosto 2014 il presidente Putin ha firmato un decreto che vieta l’importazione di alcuni prodotti alimentari dai paesi che hanno introdotto le sanzioni contro la Russia, cioè Stati Uniti, Unione Europea, Canada, Australia e Norvegia. Nell’embargo rientrano carne, pesce, verdure, frutta e latticini.

Secondo Coldiretti, l’Italia a causa delle mancate esportazioni verso la Russia perde circa 3 miliardi l’anno. A fine giugno, l’Unione europea ha deciso di rinnovare le misure punitive nei confronti della Russia per altri sei mesi.

Fonte: Askanews, Ria Novosti

Precedente Putin invita la Nazionale russa al Cremlino Successivo Conte incontrerà Putin a Mosca il 24 ottobre