Medvedev: nuove sanzioni Usa “dichiarazione di guerra economica”

7b5fba68ad8cbb037d5c39b06f0c3e

La Russia considererà una “dichiarazione di guerra economica l’adozione di nuove sanzioni americane e reagirà con tutti i mezzi a sua disposizione”: l’avvertimento è arrivato oggi dal premier Dmitri Medvedev.

l premier Medvedev avrebbe poi aggiunto l’intenzione di reagire economicamente, politicamente o, se necessario, “con altri mezzi”. Il tutto a seguito dell’annuncio dello scorso mercoledì da parte dell’amministrazione Trump, che ha previsto sanzioni contro Mosca per il caso Skripal, indicando il 22 agosto come data di avvio, motivandole con la necessità di punire l’avvelenamento dell’ex agente Sergey Skripal in Gran Bretagna con il gas Novichok, agente nervino catalogato come arma chimica.

Secondo prime segnalazioni le misure USA riguarderanno beni sensibili legati a questioni di sicurezza nazionale, e potrebbero arrivarne altre a distanza di 90 giorni qualora gli States considerino ancora viva la minaccia armi chimiche da parte russa. Il Cremlino si è sempre dichiarato estraneo alla vicenda, definendo “inverosimili” le accuse degli States.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha assicurato che Mosca risponderà alle sanzioni, ma cercando di non compromettere in modo irrimediabile le relazioni con gli Stati Uniti.

Mentre il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha denunciato che le nuove misure restrittive sono “un atto ostile e illegale e difficilmente possono essere associate alla costruttiva, sebbene complessa atmosfera del recente incontro a Helsinki tra Putin e Trump”.

Fonte:Ria Novosti, Askanews

Precedente Generale libico: "Solo la Russia può risolvere la crisi in Libia" Successivo Berlino, Putin da Merkel sabato 18 agosto