Isis, Russia: “Al Baghdadi potrebbe essere stato ucciso in un raid a Raqqa il 28 maggio”

abu-bakr-al-baghda_2965558k

Il leader dell’Isis  Abu Bakr al Baghdadi potrebbe essere stato ucciso in un raid russo in Siria, il ministero della Difesa russo sta verificando le informazioni. L’attacco dei bombardieri di Mosca è avvenuto il 28 maggio contro un consiglio militare dei terroristi.

Il 28 maggio scorso i jet russi Su-34 e Su-35 hanno condotto un raid alla periferia di Raqqa, dove una trentina di comandanti dell’Isis erano riuniti per discutere delle possibili vie di fuga dalla città e fra loro, indicano le informazioni raccolte, ci sarebbe stato anche al Baghdadi, aggiunge il comunicato citato dalla Tass.  “Secondo le informazioni, che ora stiamo verificando attraverso vari canali, il leader islamico Abu Bakr al-Baghdadi, era presente all’incontro” tra i leader dell’Isis avvenuto il 28 maggio vicino a Raqqa e che è stato obiettivo di un attacco aereo russo”, ha detto il ministro secondo quanto riportato anche  dall’agenzia Ria Novosti.

La foto del raid, prima e dopo l’attacco dei jet russi.

1497620862-bomb-russian

Gli USA no confermano

La Coalizione internazionale anti-Isis a guida Usa afferma di non poter confermare notizie della possibile uccisione del leader dello ‘Stato islamico’ Abu Bakr al Baghdadi in raid militari russi in Siria, ma sarebbe felice se essa venisse confermata. In una email inviata all’Associated Press, il colonnello Ryan Dillon, portavoce della Coalizione. “Per il momento non possiamo confermare queste notizie”.

Fonte Ria Novosti, Tass, Rai News

Precedente Russia, Vladimir Putin accusa la BBC di fare propaganda per Navalny Successivo Russia: al via la Confederations Cup 2017