G20 di Amburgo, primo incontro tra Putin e Trump: intesa sul cessate il fuoco in Siria

19665457_10214163085980438_8224795940341618691_n

Si è concluso poco dopo le 18 l’incontro tra Vladimir Putin e Donald Trump a margine del G20 di Amburgo. Il faccia a faccia, il primo fra i due leader, era iniziato attorno alle 16. Secondo quanto è trapelato dall’amministrazione Usa, l’incontro è durato precisamente due ore e 16 minuti.

Circa sei minuti dopo l’inizio della riunione era stato consentito l’accesso ai giornalisti nella sala e, tanto Trump quanto Putin, si sono mostrati soddisfatti della parte di confronto che si era già svolta e speranzosi per la seconda parte. “Il presidente Putin e io abbiamo discusso di diverse cose e penso che stia andando molto bene”, ha detto Trump, parlando seduto a fianco del leader del Cremlino.

“Abbiamo avuto colloqui molto buoni. Avremo un colloquio adesso e ovviamente questo continuerà. Non vediamo l’ora che succedano molte cose molto positive per la Russia, per gli Stati Uniti e per tutti i coinvolti. Ed è un onore essere con lei”, ha dichiarato ancora Trump. Poi la parola è passata a Putin, il quale ha dichiarato : “Abbiamo parlato al telefono diverse volte su questioni bilaterali e internazionali molto importanti, ma le conversazioni telefoniche non sono mai abbastanza” ha detto Putin. “Se vogliamo risolvere le questioni bilaterali e quelle internazionali, abbiamo decisamente bisogno di incontri di persona. Sono felice di poterla incontrare e spero, come ha detto lei, che il nostro incontro porti risultati positivi”.

Dopo queste dichiarazioni i giornalisti sono usciti e il confronto è proseguito a porte chiuse. Presenti, oltre a due traduttori, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov e il segretario di Stato Usa Rex Tillerson.

Il primo risultato positivo venuto fuori dai colluqui russo – americani è un accordo per il cessate il fuoco nella Siria sudoccidentale, a partire da sabato a mezzogiorno. L’intesa è stata sostenuta anche da Giordania e Israele.

Tra i temi affrontati l’Ucraina, ma anche la lotta al terrorismo e la cybersicurezza.Nessuna intesa sulla Corea del Nord, la questione siriana ha occupato gran parte dell’incontro.

Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov ha confermato l’accordo di tregua raggiunto dai due presidenti per un cessate il fuoco nel Sud-ovest della Siria. Parlando alla stampa al termine del faccia a faccia tra i due capi di Stato, Lavrov ha definito l’incontro costruttivo, sottolineando che il colloquio ha confermato l’intenzione di tutti e due di arrivare ad “accordi che siano positivi per entrambi”.

“Putin ha detto che non c’è stato nessun coinvolgimento russo nelle elezioni presidenziali americane”. Lo ha riferito il segretario di Stato americano Tillerson, che ha precisato che Trump ha sollevato direttamente la questione all’inizio del faccia a faccia co Putin.Tillerson ha dichiarato che Trump ha accettato la parola di Putin.

Sempre Tillerson ha dichiarato che tra Donald Trump e Vladimir Putin c’è stata “un’alchimia positiva” nel primo faccia a faccia avuto oggi ad Amburgo, in Germania, a margine del G20.

“L’incontro è stato molto costruttivo, i due leader direi che si sono intesi molto rapidamente”, ha detto  in conferenza stampa, aggiungendo che “c’è stata una chiara alchimia positiva tra i due”. Tillerson ha poi riferito  che a un certo punto la first lady Melania Trump ha fatto capolino per interrompere la conversazione, dato che i due leader erano attesi al concerto per il G-20 nella nuova sala della Elbphilarmonie.

Fonte : Ria Novosti, Rai News, Repubblica

 

 

Lascia un commento

*