Putin:”E’ la Nato la vera minaccia”

LCGlx4SSCIAi4pKpDxihiytLQcdKhfNJ

Il 31 dicembre Vladimir Putin ha firmato la «Strategia di sicurezza nazionale». Un documento che viene aggiornato ogni sei anni, la stesura precedente risaliva al 2009, quando il Cremlino era abitato da Dmitry Medvedev. Nel documento emerge che la vera minaccia per Mosca è l’espansione della Nato. In particolare si tratta di una minaccia “per la sicurezza nazionale”.

Il nuovo documento prevede l’uso della forza militare “solo se ogni altra misura risulta inefficace”. Secondo quanto si legge, l’aumento delle truppe Nato ai confini della Russia è definito “una violazione delle norme che regolano il diritto internazionale”.  Anche l’istigazione alle “rivoluzioni colorate” sul modello dell’Ucraina e della Georgia è “una minaccia per il Paese”. Putin sostiene: “L’Occidente finanzia gruppi armati per deporre governi legittimi”.

In cima alla lista delle cose da temere, Mosca colloca l’allargamento della Nato, accompagnato da un “processo di militarizzazione” nei paesi vicini alla Russia. E la lista degli avversari di Mosca è guidata dagli Stati Uniti insieme con i loro alleati, impegnati a “conservare la loro posizione dominante nelle vicende mondiali”, minacciata dalla “politica indipendente” della Federazione Russa.

 

 

 

I commenti sono chiusi.